Giovedì, 10 Maggio 2018 19:07

Forza. Featured

Written by
Rate this item
(1 Vote)

Tutti noi abbiamo bisogno di qualcuno che ci sostenga.

 Dall'esatto momento in cui decidiamo i colori della nostra vita, ci prendiamo la responsabilità di utilizzarli facendo di tutto per non uscire dai "bordi", evitando di accostarne qualcuno in contrasto, pensando al giusto utilizzo delle sfumature o semplicemente definendone il grado più......."appropriato". 

Potrebbe sembrare semplice, eppure non lo è affatto. Non lo è per nessuno. Non lo è per i piccini e non lo è per i grandi. Non ci viene data un'immagine da colorare, un'immagine definita; senza rendercene conto possiamo passare, inaspettatamente, dal colorare un cielo stellato a una violenta tempesta. Dalle ombre di un grattacielo al verde di una distesa che potrebbe sembrare.....infinita. E così via.

Non è un foglio d'album dalle misure definite. E' una tela certamente. La tela della nostra Vita. E noi, noi abbiamo il compito di renderla unica e carica di significato. Dobbiamo essere bravi e decisi, entusiasti e forti...sì, forti..Ma..pur sempre Esseri Umani. Esseri Umani..e come tali sbagliamo, pecchiamo, cadiamo e ogni tanto sì, ci sbucciamo le ginocchia. E questo non può esser definito "sbagliato". Nessuno è perfetto.
Per quanto ci si ostini a volercela fare sempre e comunque da soli, è giusto ogni tanto "affidarsi" (oltre che a noi stessi) al sostegno di un tuo punto di riferimento. La mano tesa di chi ami nei momenti più bui e in quelli più floreali ti darà ancora più forza. Quella mano è lì per dirti "coraggio, non aver paura. Sarà difficile, ma comunque vada io sarò qui a supportarti. E se con la matita non esci semplicemente dal bordo ma ti spingi ancora oltre, ci sarò io a guidarla insieme a te verso le immagini, in divenire, della tua vita..".

Il sostegno di chi amiamo è fondamentale e tutti noi ne abbiamo bisogno.

Sì. Tutti noi ne abbiamo bisogno.


Cinzia Ventura

 

Read 853 times Last modified on Giovedì, 10 Maggio 2018 19:50
More in this category: « Sorridere I miei genitori. »

 

Il mio Blog